SERGIO PEREZ PENALIZZATO DALLA VIRTUAL SAFETY CAR NEL GRAN PREMIO DI UNGHERIA

Mark Thompson/Getty Images

Ennesima gara difficile per Sergio Perez nel Gran Premio di Ungheria. Dopo un ottimo inizio di stagione, con la vittoria a Montecarlo, il pilota messicano si è pian piano allontanato dalle prestazioni iniziali e si è addirittura trovato fuori dalla lotta per la pole position durante le qualifiche di sabato.

Una gara tutta in salita per Perez, che partiva dall’undicesima posizione, preceduto dal compagno di squadra Max Verstappen, che poi ha vinto il Gran Premio e messo una forte ipoteca sul titolo.

Il pilota messicano, dopo il pit stop di Leclerc, si è trovato in quinta posizione e, senza la Virtual Safety Car imposta per spostare la monoposto di Valtteri Bottas a pochi giri dal termine della gara, avrebbe probabilmente potuto attaccare sia Carlos Sainz che George Russell e portarsi in terza o quarta posizione.

A fine gara Perez ha dichiarato: “penso che a metà gara stavamo andando bene, stavamo pensando di fare un solo pit stop, quindi penso che non siamo riusciti a massimizzare lo stint e sfortunatamente non ha funzionato bene come ci sarebbe piaciuto e poi alla fine ho perso solo un paio di secondi su Carlos e George. È positivo arrivare alla pausa estiva con un buon risultato. Dopo le qualifiche sembrava che potesse essere un fine settimana negativo per noi, ma abbiamo recuperato dei buoni punti e vedere le Mercedes e le Ferrari lottare con noi è stato molto divertente. È stata una gara piuttosto complicata, soprattutto verso la fine. Quando le condizioni sono cambiate e soprattutto durante la virtual safety car che ha fatto sì che tutti avessero le gomme fredde. Nel complesso, siamo stati un po’ sfortunati con la VSC. Potenzialmente avrei potuto prendere Sainz e Russell e credo che mi sarei avvicinato molto di più a loro verso la fine. Mi sentivo molto più forte nell’ultimo stint e con qualche giro in più credo che sarei potuto salire sul podio. È stata comunque una bella gara, a tratti molto divertente. È stata una rimonta fantastica per il team oggi ed è stato bello vedere Max vincere”.

Mark Thompson/Getty Images

Per quanto riguarda la prima metà della stagione ha commentato così le sue prestazioni: “un po’ di alti e bassi, un paio di problemi di affidabilità, ma a parte questo penso che ci siano alcuni aspetti positivi da trarre da questa prima parte di questa stagione. Ma di certo credo di aver perso un po’ di terreno nelle ultime due gare, quindi sarà molto importante tornare forti”.

Dello stesso avviso Chris Horner, Team Principal Red Bull: “penso ad un reset durante la pausa estiva, solo per capire cosa non è andato del tutto per lui nelle ultime due gare, ma sicuramente tornerà più forte da Spa in poi”.

Vincent Marre.