LIBERE 3: PEREZ DAVANTI A TUTTI, SECONDO LECLERC. SAINZ SETTIMO

Mark Thompson/Getty Images

Si sono appena concluse le prove libere del Gran Premio di Miami ed è di nuovo lotta tra le Red Bull e la Ferrari. Segna il miglior tempo Sergio Perez, seguito da Charles Leclerc che si inserisce davanti a Max Verstappen. Molto cauto Carlos Sainz in sesta posizione. Lewis Hamilton e George Russell non ripetono la prestazione di ieri e si trovano rispettivamente in quindicesima e diciassettesima posizione.

LA CRONACA

Inizia la giornata del sabato con alcune novità riguardanti la pista: a causa dell’asfalto che addirittura si staccava con le mani, è stata riasfaltata la curva 17. Inoltre sono stati tolti i tanto criticati cordoli in ingresso pit lane e, al loro posto, sono stati installati due dissuasori.

L’ultima sessione di prove libere inizia alle 19 di sabato 7 maggio, 50 gradi la temperatura dell’asfalto e il cielo prevalentemente soleggiato. Vediamo se i piloti oggi riusciranno a fare dei long run visto che ieri le varie sessioni sono state stoppate da diverse bandiere rosse. Da valutare la prestazione della Red Bull di Max Verstappen e della Ferrari di Carlos Sainz che ieri non hanno praticamente avuto modo di immagazzinare dati nelle seconde libere visti i problemi dell’olandese e l’incidente dello spagnolo dopo soli venti minuti.

Verstappen si mette subito in testa con 1:34.037, seguito da Carlos Sainz e Sergio Perez. Dopo pochi minuti è Leclerc il leader con 1:32.290. Max Verstappen si migliora portandosi alle spalle del monegasco staccato di +0.197s. Mick Schumacher fa un gran giro e mette la sua monoposto in terza posizione a +0.856 da Leclerc. Testacoda senza conseguenze di Kevin Magnussen.

Mancano 50 minuti e Verstappen si porta in prima posizione con 1:31.355. Bottas ha scavalcato Schumacher e, a sua volta, viene scavalcato da George Russell e Lewis Hamilton. Carlos Sainz si inserisce tra i due piloti Mercedes in quarta posizione.

Bandiera rossa a 46 minuti dalla fine: Esteban Ocon esce di pista nello stesso punto in cui Carlos Sainz ha sbattuto ieri, danneggiando notevolmente la sua Alpine. Incidente praticamente fotocopia di quello del ferrarista.

Bandiera verde quando siamo praticamente a metà sessione. Verstappen è ancora in testa con il tempo di 1:31.355 ottenuto con gomme medie, seguito da Leclerc (+0.231s) e Sainz (+0.787s) entrambi con gomma rossa. A seguire Mick Schumacher, Russell, Magnussen, Hamilton, Alonso, Bottas e Zhou.

Gran tempo di Bottas che mette la sua Alfa Romeo in terza posizione staccato di poco più di mezzo secondo dal leader. Magnussen si porta in quinta posizione alle spalle di Carlos Sainz a +0.823s da Max Verstappen che ha avuto, proprio in quel momento, una incomprensione con Lance Stroll.

Mancano 20 minuti e Lando Norris riesce a frenare in tempo prima di mettere a muro la sua McLaren. Viene esposta la bandiera bianca e nera a Pierre Gasly per aver oltrepassato la riga bianca in uscita pit lane.

Leclerc fa segnare il miglior tempo con 1:30.981 e scavalca Max Verstappen (+0.374s) e Valtteri Bottas (+0.904s). In quarta e quinta posizione troviamo le due Mercedes, nell’ordine, di Russell ed Hamilton. Il duo inglese però viene superato da Gasly che si mette in quarta posizione.

Dieci minuti al termine, Perez fa la migliore prestazione con 1:30.699 ma il suo compagno di squadra per soli 50 millesimi gli strappa la prima posizione. Ricciardo fa un gran tempo e si mette alle spalle di Leclerc staccato dall’olandese di +1.079s mentre il suo compagno di squadra Lando Norris è sesto a +1.207s. Pierre Gasly si lamenta via radio che la sua monoposto salta come un canguro.

La pista è sempre più gommata e si cominciano a vedere tempi interessanti e molti piloti migliorano la propria prestazione. Troviamo Sebastian Vettel in quarta posizione (+0.400s) e Sainz in quinta  (0.609s). Sergio Perez si riprende la testa della classifica con 1:30.304 sfruttando la scia di una vettura che lo precedeva.

Verstappen, nel tentativo di fare il miglior tempo, perde la monoposto e riesce a bloccarla in mezzo alla pista scongiurando il rischio di andare a muro. Fortunatamente nessuno stava arrivando dietro di lui altrimenti sarebbe stata una situazione estremamente pericolosa. Leclerc arriva sul traguardo sotto la bandiera a scacchi e si mette in seconda posizione a +0.194s da Perez.

Bandiera a scacchi: Sergio Perez, Charles Leclerc, Max Verstappen, Fernando Alonso, Sebastian Vettel, Mick Schumacher, Carlos Sainz, Kevin Magnussen, Alex Albon e Lando Norris.

La giornata di oggi proseguirà alle ore 22 con le qualifiche.

LA CLASSIFICA DELLE LIBERE 3 

Pos No Pilota Team Tempo Gap Giri
1 11 Sergio Perez Red Bull Racing RBPT 1:30.304   21
2 16 Charles Leclerc Ferrari 1:30.498 +0.194s 23
3 1 Max Verstappen Red Bull Racing RBPT 1:30.649 +0.345s 20
4 14 Fernando Alonso Alpine Renault 1:31.036 +0.732s 18
5 5 Sebastian Vettel Aston Martin Aramco Mercedes 1:31.049 +0.745s 24
6 47 Mick Schumacher Haas Ferrari 1:31.050 +0.746s 19
7 55 Carlos Sainz Ferrari 1:31.172 +0.868s 24
8 20 Kevin Magnussen Haas Ferrari 1:31.227 +0.923s 20  
9 23 Alexander Albon Williams Mercedes 1:31.501 +1.197s 14  
10 4 Lando Norris McLaren Mercedes 1:31.594 +1.290s 18  
11 22 Yuki Tsunoda AlphaTauri RBPT 1:31.659 +1.355s 24  
12 18 Lance Stroll Aston Martin Aramco Mercedes 1:31.665 +1.361s 22  
13 3 Daniel Ricciardo McLaren Mercedes 1:31.728 +1.424s 19  
14 77 Valtteri Bottas Alfa Romeo Ferrari 1:31.885 +1.581s 26  
15 44 Lewis Hamilton Mercedes 1:31.890 +1.586s 20  
16 10 Pierre Gasly AlphaTauri RBPT 1:31.901 +1.597s 18  
17 63 George Russell Mercedes 1:31.924 +1.620s 19  
18 24 Zhou Guanyu Alfa Romeo Ferrari 1:32.051 +1.747s 16  
19 6 Nicholas Latifi Williams Mercedes 1:32.376 +2.072s 16  
20 31 Esteban Ocon Alpine Renault     3  
                         

Vincent Marre.