Il giudizio di Fernando Alonso ed Esteban Ocon

Charles Coates / LAT Images

L’Alpine ha ottenuto solo due punti nel Gran Premio di Città del Messico, ma sia Fernando Alonso, 9°, sia Esteban Ocon, 13°, si sono dichiarati ragionevolmente soddisfatti della corsa all’Autodromo Hermanos Rodriguez, viste le loro basse posizioni in qualifica.

Ocon, che partiva 19esimo per la sostituzione di alcune componenti, si è ritrovato alla curva due in mezzo tra Yuki Tsunoda e Mick Schumacher. Miracolosamente ne è uscito illeso, a differenza degli altri due che sono stati costretti al ritiro. Alla fine ha tagliato il traguardo alla tredicesima posizione.

“Sapevamo sarebbe stata una gara complicata, anche a causa della penalità. Abbiamo lottato duramente, la macchina si è comportata abbastanza bene. Chiaro che abbiamo pagato le qualifiche non brillantissime, ma fare più di così era complicato. non è andata come volevamo, se ci fossimo riusciti di sicuro saremmo arrivati entrambi a punti ma ormai è andata, testa al Brasile”.

Anche Fernando Alonso ha avuto una partenza piuttosto vivace: lo spagnolo ha mostrato riflessi incredibili per evitare la Mercedes in testacoda di Valtteri Bottas al primo giro.

L’ex ferrarista, che ha anche ammesso di esser rimasto deluso dalla brutta qualificazione, ha comunque disputato una gara ordinata ed è arrivato al nono posto nonostante le numerose difficoltà: “A livello generale sono soddisfatto, in un weekend complicato per tutti siamo riusciti a conquistare due punti: peccato per le qualifiche molto negative. L’incidente di Valtteri all’inizio mi ha colto un po’ alla sprovvista, oltre all’auto in testacosa c’era molto fumo e non si vedeva bene, per fortuna sono riuscito ad evitare lui e Ricciardo”.

Con il quarto posto di Gasly, però, l’AlphaTauri ha agganciato in classifica l’Alpine.

Vincent Marre.