GP FRANCIA, SAINZ: CHE RIMONTA!

Carlos Sainz ha fatto una gara meravigliosa costellata di sorpassi meravigliosi soprattutto su Perez e Russell. Partendo dalla diciannovesima posizione, è riuscito a rimontare fino alla quinta posizione avendo anche dovuto scontare 5 secondi di penalità per un errore del Team che gli ha dato l’ok per ripartire dal pit stop quando stava arrivando una Williams e sono quasi arrivati al contatto.

Intervistato da Sky ha commentato la sua gara fenomenale.

“La gomma dura abbiamo visto per tutto il weekend che era una gomma molto difficile da gestire, anche nel traffico soprattutto era una gomma molto difficile per avere la giusta trazione per sorpassare, ho fatto fatica all’inizio ma dal momento che ho messo la media, ho cominciato ad andare forte e ho sorpassato la Mercedes e la Red Bull in pista, che non è mica facile ma ce l’abbiamo fatta fino al podio poi però lì quando è arrivato il momento di decidere la squadra ha deciso di andare sul sicuro assicurandoci la quinta posizione ed il giro veloce ed è finita così. Un pit stop lento, non è stata una gara perfetta, si poteva arrivare al podio ma speriamo che analizziamo bene questa gara e continuiamo a fare delle belle gare come stiamo facendo. I nostri numeri dicevano che le nostre gomme non sarebbero arrivate alla fine, il problema è che io sono il pilota, io  ero partito diciannovesimo, so che sono in terza posizione, ho appena superato Checo per il podio, stavo volando in pista e ho pensato “ce la giochiamo”, in quel momento sento “box box” ed è normale che in quel momento c’è un po’ di discussione, per quello che insisto. Analizzeremo quello che si può fare meglio, il Team mi ascolta, lo avete visto nelle ultime gare. Questa volta io ho seguito le ordine del Team, ci siamo fermati ed è andata così. Sono convinto che stiamo facendo le cose per bene, che stiamo imparando e che siamo forti. Peccato che per questo weekend credo di avere avuto il passo per vincere, senza la penalità, e anche partendo diciannovesimo, con un pit stop lento e una penalità di 5 secondi si poteva arrivare al podio, alla fine la quinta posizione e giro veloce, sono comunque contento. Non ho bevuto perchè siamo un po’ sovrappeso e ho deciso di non avere la borraccia, non sudo molto e preferisco essere quel decimino più veloce ma ha fatto caldo, molto caldo, soprattutto all’inizio con la gomma hard le gomme erano molto calde, era molto difficile sorpassare. Sul sorpasso su Russell, ho avuto una bella scia, l’ho spinto un po’ a destra per dargli meno angolo e dopo ho fatto tutto all’esterno in pieno, era difficile perchè non era molto pulita, c’era molta sabbia ma l’abbiamo fatta bene.

Per questi momenti amo la Formula 1, ti danno quell’extra di felicità, extra di sapere che stai facendo qualcosa di veramente rischioso, veramente straordinario ed è per quello che vivo ed è questo il motivo per cui faccio il pilota. Su Perez è stato veramente difficile il sorpasso ma abbiamo fatto tipo 7/8 curve affiancati e devi pensare che le stavamo facendo a 250kmh e farle così è veramente bello farle e farle con Checo è veramente un onore perchè è un pilota che ti rispetta, ti dà spazio, io lo avevo sempre nel mio punto cieco e non potevo fare come con Russell perchè lui ha tanta velocità ma tenendolo sull’esterno mi ha lasciato lo spazio ma ci siamo anche un pochino toccati. Poi ho invertito la traiettoria per avere aria pulita ed è stato veramente un bel sorpasso. Mi volevano fare rientrare ma fermarmi in questo giro o in quello dopo non cambiava nulla quindi mi sono voluto divertire e dopo mi sono fermato. Ho preso in considerazione di avere il DRS  perchè se arrivavo io primo al DRS lui poi mi prendeva al rettilineo, ho fatto bene ed ha funzionato tutto perfettamente. Abbiamo la miglior macchina in qualifica, abbiamo fatto tante pole, in gara dipende molto da ogni gara. Siamo al decimo con la Red Bull in gara, era molto tirata penso tra Charles e Max, la gara prima loro erano più veloci, quella prima ancora noi ma sul giro secco questa macchina è veramente forte. Peccato per Charles ma gli errori li facciamo tutti, ne ho fatti all’inizio della stagione. La gente è stata molto cattiva con me perchè erano errori che sembrano stupidi ma fidatevi che guidare queste macchine al limite non è facile, stiamo spingendo molto, ci stiamo prendendo tantissimi rischi e questo può succedere qualche volta durante l’anno, succederà a Max in qualche momento della stagione. Sarebbe bellissimo fare una doppietta in Ungheria, è quello a cui puntiamo, la macchina c’è e dobbiamo continuare a crederci.”

Vincent Marre.