BAKU, GARA: 1-2 RED BULL, VINCE VERSTAPPEN. FERRARI RITIRATE

Clive Rose/Getty Images

Doppietta Red Bull nel Gran Premio di Azerbaijan con la vittoria di Max Verstappen e il secondo posto di Sergio Perez. Disastro Ferrari tra le pittoresche vie di Baku, con un doppio ritiro: problemi al motore per Charles Leclerc quando era in testa mentre problemi idraulici per Carlos Sainz. Vola quindi la Red Bull in entrambe le classifiche iridate. Grandissima gara di George Russell, terzo, che continua la sua striscia di classificazione nelle prime cinque posizioni in tutti i Gran Premi con il suo secondo podio stagionale. Quarta posizione per Lewis Hamilton che arriva dolorante ai box a causa dell’eccessivo porpoising subìto durante tutto il weekend.

La cronaca

Per le strade di Baku si snoda il circuito cittadino del Gran Premio di Azerbaijan, lungo 6003m.

Latifi è sotto investigazione per qualcosa che è successo in griglia prima di partire per il giro di formazione. Si teme che Lewis Hamilton non riesca a finire la gara a causa del porpoising.

Grande partenza di Sergio Perez che prende subito la prima posizione mentre Charles Leclerc va al bloccaggio dell’anteriore sinistra. Max Verstappen è subito alle sue spalle, seguito da Carlos Sainz, George Russell, Pierre Gasly e Lewis Hamilton.

Stop & go per Latifi per non aver rispettato le regole in griglia di partenza.

Dopo 3 giri i distacchi tra i primi si attestano su 1.5s/2s ma ancora non è stato abilitato il DRS. Max Verstappen si trova ad un secondo da Leclerc, mentre il distacco da Perez è di 3 secondi.

Al quinto giro Verstappen sfruttando il DRS si avvicina moltissimo a Charles ed il distacco è di mezzo secondo.

Verstappen chiede via radio più ibrido nella parte finale del giro per attaccare meglio Leclerc. La velocità in rettilineo con il DRS aperto del pilota Red Bull è di ben 341 km/h.

Kevin Magnussen ha superato Alexander Albon e Lando Norris lo fa sul compagno di squadra Daniel Ricciardo.

Nonostante il DRS Leclerc riesce a difendersi abbastanza bene.

Per i pit stop si perdono circa 20 secondi tra entrare, fare il cambio gomme e rientrare in pista.

Giro 9: Carlos Sainz problemi idraulico in curva 4. Bandiera gialla e Virtual safey car.

Giro 10: entra Charles Leclerc per montare gomme hard (pit di 5.4s per un piccolo problema). Rientrano in molti, tra cui George Russell (2.8s), Sebastian Vettel (2.8s), Lewis Hamilton (3.6s), Pierre Gasly (5.0s), Yuki Tsunoda (4.5s). Leclerc rientra in terza posizione  a 14 secondi da Perez e 12 da Verstappen. Alla fine del giro viene tolta la virtual safety car.

Tra i primi dieci non si sono fermati soltanto i due piloti Red Bull, Fernando Alonso che è quinto, Lando Norris che è sesto e Daniel Ricciardo che è settimo.

Vettel lungo in un tentivo di sorpasso e si gira per rientrare in pista al volo facendo sorridere anche i suoi meccanici.

Giro 14: giro veloce di Charles Leclerc in 1:47.531

Giro 15: Verstappen supera Perez e si mette in prima posizione. Da un team radio si sente che chiedono a Sergio di non lottare con Max.

Giro 16: Zhou supera Bottas.

Giro 17: rientra Sergio Perez per il pit stop durato 5.6s per un problema, Perez rientra in terza posizione ma Russell è molto vicino.

Giro 18: Kevin Magnussen supera Bottas. Hamilton fa un gran sorpasso su Alexander Albon tra la curva 2 e la curva 3.

Giro 19: rientra Verstappen per il pit stop (3.5s) e Leclerc torna leader della gara. Perez giro veloce con 1:47.522. Verstappen è a 13 secondi da Verstappen e 17 da Perez.

Giro 20: Leclerc si ritira per un problema al motore. Ritiro a causa della power unit per la seconda volta su 8 gare. In testa Max Verstappen, seguito da Perez, Russell, Gasly, Ricciardo, Hamilton. Giro veloce di Verstappen in 1:46.898.

Giro 23: ritiro per Guanyu Zhou per un problema idraulico (motore Ferrari) quando era in zona punti.

Giro 26: Vettel supera Ocon e si porta in ottava posizione.

Giro 27: Hamilton supera Ricciardo per la quinta posizione mentre Alonso supera Magnussen per la decima posizione. Norris ha superato Lance Stroll.

Giro 29: Hamilton dice via radio che il mal di schiena lo sta uccidendo.

Giro 31: Verstappen viene avvisato che sta andando troppo forte e gli chiedono di rallentare un po’. Norris supera Bottas e si porta in dodicesima posizione.

Giro 32: Magnussen è molto vicino a Esteban Ocon ma la velocità della Alpine è notevole nonostante la Haas abbia il DRS.

Giro 33: bandiera gialla per problemi probabilmente al motore (Ferrari) per Kevin Magnussen. Virtual Safety Car.

Giro 34: Max Verstappen rientra per il pit stop (2.7s) e lo stesso fa anche Perez (4.4s per un problema alla posteriore sinistra). Stessa cosa per Russell (2.8s) e le prime tre posizioni quindi restano invariate. Rientrano anche Hamilton (3.2s) e Ricciardo (3.5s).

Giro 35: viene tolta la Virtual Safety car.

Giro 37: giro veloce di Max Verstappen in 1:46.523, strappato da Perez con 1:46.046. All’Alpha Tauri di Yuki Tsunoda si è rotta l’ala a metà e si apre con il DRS solo una parte.

Giro 38: bandiera nera con disco arancione per Tsunoda che dovrà fermarsi per motivi di sicurezza.

Giro 39: Yuki Tsunoda rientra ai box per sistemare l’ala posteriore e dal box gli comunicano di non aprire il DRS.

Giro 41: dal box Red Bull comunicano a Verstappen di non utilizzare il DRS.

Giro 43: Hamilton battaglia con Gasly per la quarta posizione.

Giro 44: Hamilton supera Gasly.

Giro 45: Latifi non rispetta le bandiere blu e gli viene data una penalità di 5 secondi.

Giro 46: Lance Stroll si ritira per un problema.

Giro 49: Verstappen dice che sente qualcosa tra i piedi quando frena.

Giro 50: Verstappen tenta di strappare il giro veloce a Perez ma non ce la fa per soli 4 millesimi.

Bandiera a scacchi: Max Verstappen, Sergio Perez, George Russell, Lewis Hamilton, Pierre Gasly, Sebastian Vettel, Fernando Alonso, Daniel Ricciardo, Lando Norris ed Esteban Ocon.

ORDINE DI ARRIVO

Pos No Pilota Vettura Giri Tempo/Ritiro Punti
1 1 Max Verstappen Red Bull Racing RBPT 51 1:34:05.941 25
2 11 Sergio Perez Red Bull Racing RBPT 51 +20.823s 19
3 63 George Russell Mercedes 51 +45.995s 15
4 44 Lewis Hamilton Mercedes 51 +71.679s 12
5 10 Pierre Gasly AlphaTauri RBPT 51 +77.299s 10
6 5 Sebastian Vettel Aston Martin Aramco Mercedes 51 +84.099s 8
7 14 Fernando Alonso Alpine Renault 51 +88.596s 6
8 3 Daniel Ricciardo McLaren Mercedes 51 +92.207s 4
9 4 Lando Norris McLaren Mercedes 51 +92.556s 2
10 31 Esteban Ocon Alpine Renault 51 +108.184s 1
11 77 Valtteri Bottas Alfa Romeo Ferrari 50 +1 lap 0
12 23 Alexander Albon Williams Mercedes 50 +1 lap 0
13 22 Yuki Tsunoda AlphaTauri RBPT 50 +1 lap 0
14 47 Mick Schumacher Haas Ferrari 50 +1 lap 0
15 6 Nicholas Latifi Williams Mercedes 50 +1 lap 0
16 18 Lance Stroll Aston Martin Aramco Mercedes 46 DNF 0
NC 20 Kevin Magnussen Haas Ferrari 31 DNF 0
NC 24 Zhou Guanyu Alfa Romeo Ferrari 23 DNF 0
NC 16 Charles Leclerc Ferrari 21 DNF 0
NC 55 Carlos Sainz Ferrari 8 DNF 0

Vincent Marre.