IL DEBUTTO DEL GRAN PREMIO DEL SUDAFRICA SLITTA DI UN ANNO

Come abbiamo visto nei giorni precedenti, il Gran Premio del Sudafrica non è apparso nel calendario del 2023 nonostante le notizie di qualche mese fa che lo davano quasi per certo, a scapito forse del Gran Premio del Belgio.

Pare che alla base dell’assenza della gara che si sarebbe dovuta correre sul circuito di Kyalami ci siano problemi per quanto riguarda soprattutto le garanzie finanziarie richieste per organizzare un evento di tale portata. Il promotore locale non si è sentito all’altezza di tale compito ed adesso, per riportare il Gran Premio nel calendario almeno dal 2024, bisognerà trovarne un altro.

Anton Roux, presidente di Motorsport South Africa, spiega la situazione a News24 Sport: “il motivo per cui l’evento di Formula 1 nel 2023 non avrà luogo è che il promotore locale nominato dalla F1 non è stato in grado di rispettare le garanzie finanziarie. L’intero problema non è colpa della FIA , della F1, del Motorsport South Africa o del governo. Il motivo è che il promotore locale non è stato in grado di fornire i risultati sperati. Ed ora dobbiamo sostituire il promotore locale ma sono sicuro che saremo presenti nel calendario del 2024. Dobbiamo creare più idoli sportivi che i nostri figli possano seguire e penso che sarà molto vantaggioso per il motorsport sudafricano. Tutti questi ragazzi hanno bisogno di vedere Lewis Hamilton o Max Verstappen. Dobbiamo ispirare questi ragazzi”.

Roux sostiene anche un altro punto a favore di un Gran Premio nel Paese: “ci troviamo nello stesso fuso orario degli europei, quindi dal punto di vista degli spettatori televisivi coincide con il luogo in cui si trova il maggior numero di telespettatori”.

Vincent Marre.