GRAN PREMIO D’OLANDA, IL COMMENTO DEI PRIMI TRE

Mark Thompson/Getty Images

Max Verstappen ha vinto il Gran Premio di casa, davanti a George Russell e Charles Leclerc. Ecco le loro parole al termine della gara e ai microfoni di Sky Sport.

Max Verstappen: “non è stata una gara lineare questa, abbiamo dovuto spingere per tutta la gara, ci sono state la virtual e la safety car ma abbiamo preso le decisioni giuste. È un po’ sempre un punto interrogativo però alla fine è andata molto bene e, una volta che abbiamo rimontato le gomme soft, abbiamo ritrovato un grande passo. Prima della Safety car mi sembrava abbastanza buona la situazione, anche con le gomme hard anche se eravamo un pochino più lenti ma poi quando è uscita la Safety car non pensavo che potessimo ottenere la prima posizione se non fossimo rientrati. Quindi abbiamo scelto la gomma soft, sono rientrato al terzo posto ma poi è rientrato anche Russell e la nostra velocità di punta ci ha aiutato ad attaccare Hamilton in curva 1 e dopo abbiamo trovato un bel bilanciamento con la macchina. Nell’ultima curva con il banking c’è una discesa piuttosto forte e siamo riusciti a ritornare davanti ed è stato incredibile ritrovare la vittoria. È sempre speciale vincere il Gran Premio di casa, è stato così anche l’anno scorso, quest’anno abbiamo dovuto sudare ancora di più e quindi un weekend incredibile e sono davvero felice di aver vinto il gran premio olandese. Incredibile sostegno, sono davvero felice, sono davvero contento che i miei tifosi siano venuti qui a sostenermi e sono felice di essere olandese”.

George Russell: “inanzitutto un enorme ringraziamento a questo pubblico, un’accoglienza incredibile, davvero una sensazione speciale per tutti noi piloti venire qui a Zandvoort in Olanda quindi grazie mille. È stata una battaglia serrata con Lewis però come team abbiamo mostrato un grande passo, incredibile davvero ed è quello che speravamo come team e ci dà grande fiducia per il futuro. È incredibile vedere tre team diversi sul podio per il futuro e noi Mercedes lentamente ci stiamo avvicinando al primo gradino del podio e dobbiamo continuare a spingere. Quando c’era la Safety Car non sapevo cosa pensasse il Team, io ho detto molto chiaramente che volevo rientrare per le mie sensazioni che avevo con le gomme. Pensavo che sarebbe stato molto difficile fare la ripartenza, onestamente credo che Lewis abbia fatto un lavoro fantastico ma è stato chiaramente ancora più difficile per lui. Ma è sempre semplice capire qual è la decisione giusta o sbagliata guardando indietro, ma queste sono le corse. Dipende molto dai circuiti ma nel passo gara abbiamo dimostrato che senza dubbio eravamo i più veloci e questo ci dà fiducia per il resto della stagione ma se continuiamo a classificarci al quinto o sesto posto alla fine non vinceremo le gare anche se abbiamo la macchina più forte quindi dobbiamo assolutamente raddrizzare la situazione in qualifica.”

Stephen Reuss

Charles Leclerc: “onestamente credo che fosse difficile fare molto meglio di così, abbiamo avuto sfortuna con la Virtual Safety Car, ma non so se avrebbe cambiato qualcosa perchè Max era molto veloce, poi oggi le Mercedes volavano con le gomme hard mentre noi abbiamo faticato a trovare il feeling. Nel complesso dobbiamo accettare il terzo posto. Lewis alla fine stava soffrendo, noi abbiamo avuto un pochino più di grip e siamo riusciti a superarlo, loro però sono riusciti a mantenere molto bene le gomme negli utlimi giri quindi non è che sia stato molto semplice però è bastata quella manovra. Come ho detto a Spa, ora il distacco è molto ampio, prenderemo una gara alla volta, cercheremo di sfruttare al massimo il nostro potenziale e vedremo cosa sarà possibile fare. Sulle soft il passo gara era positivo, Max era con gomme nuove dunque ci aspettavamo che loro andassero ancora più veloce però sulla soft era positivo. Dopo con la media abbiamo sofferto un po’, la Mercedes è stata una vera sorpresa che sia andata molto forte sulle hard e credo che loro puntavano ad una strategia su un solo stop. Sulla media abbiamo perso un po’ di passo, dopo purtroppo un po’ di sfortuna con la VSC al momento sbagliato ed alla fine sono arrivato terzo. Credo che secondo sarebbe stato possibile con una gara normale però la vittoria oggi la vittoria non era possibile ed è quello che mi importa. Dunque dobbiamo lavorare per tornare al top in gara. Io voglio vincere, non voglio fare secondo o terzo, è un po’ amara questa cosa, diciamo che dopo le ultime otto gare c’è sempre stato qualcosa che mi ha buttato fuori dal podio, un piccolo sorriso oggi lo dà però c’è ancora tanta strada perchè io voglio vincere.”

Vincent Marre.